01/12 #SEMPLICITÀ

SEMPLICITÀ: vivere ciò che conta, lasciare il superfluo

Il Risorto ci chiede di risorgere. E il risorgere riguarda noi, la nostra vita in ogni istante. In ogni istante devo distaccarmi dal mio piccolo io raggrinzito e prepotente per far vivere un Tu più grande. Susanna Tamaro
Lc 10, 21-24
In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».
 
Come ti poni di fronte alla vita che ti cambia le domande? … e verso le quali non hai più risposte!
Quello è il momento in cui ritornare alle parole di oggi,ad un vangelo che per noi può essere buona notizia …
Il Vangelo ti pone davanti una scelta libera: puoi scegliere di vivere ancora con la tua prospettiva, decidendo su di te e su gli altri… o ritorni , da piccolo, con le domande e la vita cambiate, al centro della tua storia
E scopri che il Signore non ha subito le risposte in mano , ma con te condivide un modo per affrontare le domande : ti ritrovi allora piccolo, cioè semplice, capace di eliminare ciò che alla fine non conta, e così d’individuare ciò per cui vale la pena investire la propria vita, la propria gioia … e così ritrovare le risposte …

3 thoughts on “01/12 #SEMPLICITÀ

    • anna sirio ha detto:

      dire la mia esperienza. E’ stata una diagnosi di malattia rara, neurologica e degenerativa per un familiare. Ora è morta. Si la vita cambia. Durante la nostra via Crucis, sono andata all’essenziale, si sceglie che fare, con chi stare, si chiede aiuto a Lui, a un Signore che spesso non dà subito le risposte ma che ,col senno del poi, ho ritrovato vicino, sempre vicino, in modo provvidenziale, paterno, che si è materializzato piccolo, alla mia portata, attraverso i pochi mezzi che ho avuto a disposizione. Uno dei quali è stato, ed è, questo sito. Grazie a chi lo cura. Per davvero. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...