23/12 #PREPARARE

PREPARARE: l’agire per il bene dell’altro diventa

pane della nostra vita

 
“se infatti mangiare significa conservare e incrementare la vita, preparare da mangiare per un altro significa testimoniargli il nostro desiderio che egli viva e condividere la mensa, testimonia la volontà di unire la propria vita a quella del commensale”. Enzo Bianchi
 
Lc 1, 57-66. 80
Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei. Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante si aprirono la sua bocca e la sua lingua, e parlava benedicendo Dio. Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui. Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.
 
Oggi ricordiamo la nascita di Giovanni Battista. Una festa speciale!
Riconosciamo che qualcuno ci vuole bene non solo per quello che fa, ma anche per come lo fa.
Oggi ricordiamo come il Signore ha preparato, con la vita di Giovanni Battista, l’incontro con noi in Gesù.
Tante volte nella nostra vita, già preparare bene l’incontro con l’altro dona una grande gioia.
Proprio come chi prepara un pranzo che non è felice solo quando viene apprezzato il suo pasto, ma vive nella consolazione anche durante la preparazione.
Nella storia di Giovanni, nella sua preparazione a Gesù, ricordiamo anche sofferenze, dolori, ma come nella preparazione di un pasto, ogni pena è un modo di preparare la gioia che verrà, a volte è indispensabile, è la realtà. Il granello di senapa piccolissimo che darà grandi frutti …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...