# 15/01 VICINO

Mc 2,1-12

VICINO: la posizione di Dio nei nostri confronti, specialmente quando noi pensiamo di essere distanti

Dio segue con passione e perizia l’opera uscita dalle sue mani, in ogni stagione della vita. Non ci abbandona mai! Ha a cuore la realizzazione del suo progetto su di noi e, tuttavia, intende conseguirlo con il nostro assenso e la nostra collaborazione. [Papa Francesco]

Mc 2, 1-12

Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone che non vi era più posto neanche davanti alla porta; ed egli annunciava loro la Parola.
Si recarono da lui portando un paralitico, sorretto da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dove egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono la barella su cui era adagiato il paralitico. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Figlio, ti sono perdonati i peccati».
Erano seduti là alcuni scribi e pensavano in cuor loro: «Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può perdonare i peccati, se non Dio solo?». E subito Gesù, conoscendo nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate queste cose nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire al paralitico “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati, prendi la tua barella e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi la tua barella e va’ a casa tua». Quello si alzò e subito prese la sua barella, sotto gli occhi di tutti se ne andò, e tutti si meravigliarono e lodavano Dio, dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!».

Gesù guarisce il paralitico: il Figlio dell’uomo ha il potere di rimettere i peccati e questo è come dire che Dio si occupa delle cose della terra, ed il Figlio dell’uomo è qui per dimostrarlo.

Dio non è lontano, non se ne sta nella stratosfera, non ha rifiutato il contatto con le sue creature, si dà da fare per prendere contatto con la storia degli uomini.

La gente è stupita, come lo siamo noi: Dio ci salva e ci perdona senza condizioni, ci restituisce alla vita, ci permette di camminare liberi e gioiosi.

Il peccato, che è il bersaglio fallito, la non-umanità, ciò che non ci realizza, che si svilisce, che ci distrugge, è sanato, tolto .

Le autorità religiose del tempo che discutono della commistione tra teologia e regole restano attonite; la folla, invece, impazzisce di gioia nello scoprire che Dio non è un giudice arcigno ed impietoso come spesso veniva descritto. 

E’ la sconcertante verità di cui Gesù è testimone, quando noi siamo distanti, Lui è vicino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...