18/10 #discepoli

luca_evangelista.jpg


SAN LUCA EVANGELISTA: saper ridonare quello che si è  ricevuto da altri

“A un discepolo che si lamentava continuamente degli altri, il maestro disse: “Se è la pace che vuoi, cerca di cambiare te stesso, non gli altri. E’ più facile proteggersi i piedi con delle pantofole che ricoprire di tappeti tutta la terra!” [A. De Mello, gesuita]
 
Lc 10, 1-9
In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».
 
Dice S. Gregorio Magno: “Ecco che egli manda a due a due i discepoli a predicare, perché sono due i precetti della carità: l’amore di Dio, cioè, e l’amore del prossimo. Il Signore manda i discepoli a due a due a predicare per indicarci tacitamente che non deve assolutamente assumersi il compito di predicare chi non ha la carità verso gli altri”. 
Vivere accanto ai grandi maestri non basta se non ci si decide per un impegno in prima persona! È questo che ci ha lasciato nei secoli Luca, compagno e collaboratore dell’apostolo Paolo. Lo stile  con cui Gesù ha inviato i Dodici rimane confermato anche nell’invio dei Settantadue… I numeri dei chiamati cambiano, i contesti geografici anche, le qualità umane e le storie delle persone inviate sono sempre diverse… Eppure c’è qualcosa che non muta… Il non poter essere da soli a portare pace in qualcuna delle case dove entriamo e il poter ritrovarsi a prinunciare con qualcuno accanto queste parole: “E’ vicino a voi il Regno di Dio”.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...