Il baratro è sempre a doppio senso Sprofondare non è mai l’unica direzione

rigantur mentes

Meditazione sul Vangelo

della XXXI domenica del T.O. anno C

30 ottobre 2016

Lc 19,1-10

La disperazione è una malattia

nello spirito, nell’io, e così può essere triplice:

 disperatamente non essere consapevole di avere un io;

disperatamente non voler essere se stesso;

disperatamente voler essere se stesso.

S. Kierkegaard, La malattia mortale

Uno dei nostri sogni più ricorrenti è quello di sprofondare, soprattutto quando viviamo momenti di ansia. Cerchiamo di risalire, ma inutilmente, e ci sembra di scivolare sempre di più, senza alcuna possibilità di riconquistare l’uscita.

gaugin-langoscia-esistenzialeSiamo prigionieri delle nostre paure più profonde, a cui spesso non riusciamo neppure a dare un nome. Siamo prigionieri dell’oscurità, come il Gollum de Il Signore degli anelli di Tolkien, che, venuto in possesso dell’anello magico di Sauron, l’anello che rende invisibili, finisce con l’esserne posseduto. Viene scacciato dalla gente del suo villaggio (a causa dei furti che commetteva usando l’anello…

View original post 910 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...