Quello che tutti si aspettano da me. Come smettere di vivere le attese di nostra madre

rigantur mentes

Meditazione sul Vangelo

della XXXIV domenica del T.O. anno C

Nostro Signore Gesù Cristo

Re dell’Universo

20 novembre 2016

Lc 23,35-43

Si va costituendo una dittatura del relativismo che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie.

Benedetto XVI

Uno dei classici insegnamenti che le mamme ci consegnano da bambini è pensa a te, bada a te stesso, guardati le tue cose. E così cresciamo con la convinzione che per accontentare la mamma che continuiamo a portare dentro di noi dobbiamo fare di tutto per non distogliere l’attenzione da noi stessi. Di conseguenza lottiamo strenuamente contro la paura che qualcuno ci possa fregare. A volte non perché siamo interessati veramente alla posta in gioco, ma semplicemente per non deludere l’immagine della mamma che si è sedimentata in noi. In ogni situazione, soprattutto nelle situazioni di pericolo…

View original post 700 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...