Per Natale regalate una sveglia alla Bella addormentata! Soluzioni alternative all’auspicato passaggio di un Principe azzurro

rigantur mentes

Meditazione

sul Vangelo della I domenica di Avvento (anno A)

27 novembre 2016

Mt 24,37-44

Io dormo, ma il mio cuore veglia.

Cantico dei Cantici 5,2

La notte a volte fa paura, perché svegliarsi può voler dire incontrare l’orrore: «Mai dimenticherò quella notte – scrive Elie Wiesel –  la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata».

notteCosa succederebbe se aprissimo gli occhi? Tante volte dormiamo per non vedere. Ci tiriamo su le lenzuola della superficialità e ci imbocchiamo le coperte dell’insicurezza. Ci illudiamo che continuando a dormire, prima o poi, la realtà ci lascerà in pace e non ci chiederà più di deciderci.

Dormiamo per continuare a sognare. Preferiamo vivere nei nostri sogni di gloria, nelle nostre illusioni. Nel sogno possiamo continuare a vederci come non siamo. Dormiamo per sognare una relazione che in realtà non c’è…

View original post 513 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...