Nell’acqua del catino. Il dubbio

rigantur mentes

Il dubbio

Questa vita mi pesa addosso come un macigno.

Mi corre dietro e non mi lascia respirare.

C’è sempre una decisione da prendere. Un sì da dire o da negare.

Parlare o fare silenzio? Tradire o rimanere? Condannare o perdonare?

La testa e il cuore litigano e non c’è verso di mettere pace.

Il dubbio, questo eterno nemico del mio sonno.

Questa luce che non si spegne mai. Questo riflettore sempre acceso su quegli angoli bui del mio cuore che vorrei nascondere anche a me stesso.

Condannare o perdonare?

Perché mai gli dei hanno messo nelle mani dell’uomo questa libertà.

È una libertà pesante e non la voglio.

Mi sento schiacciato sotto il peso di un tribunale inesistente.

Potrei sbagliare!

Che ne sarà della mia immagine?

Tutt’a un tratto potrebbe andare in rovina quella maschera di cartapesta che porto da una vita.

Mi credono potente, ma sono debole.

Sono…

View original post 546 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...