15/10 – L’immagine è tutto…

Noi siamo ciò che temiamo di apparire.
(Aaron Haspel)

In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: «Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire.
Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: Dite agli invitati: “Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.
Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.
Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”.
Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti». (Mt 22,1-14)

La parabola che Gesù racconta va a toccare la nostra immagine distorta di Dio. Un Dio buono, generoso, paziente…ma fino a un certo punto. Il Dio della parabola è un re entusiasta per la festa del figlio, ma di fronte al rifiuto degli invitati si irrigidisce e agisce per ripicca, si vendica, punisce. Il suo rivolgersi ai più poveri non è per compassione, bensì per reagire al rifiuto dei suoi amici. E poi si aggira in mezzo al banchetto cercando coloro che non ne sono degni e butta fuori chi non ha un vestito buono. Può un poveraccio che vive per strada avere un vestito adatto per quella festa?

Oggi Gesù ci tocca sul vivo. Invita a guardare come ci comportiamo perché il nostro modo di agire rivela l’immagine del Dio in cui crediamo. Ogni volta che mettiamo in atto un comportamento aggressivo, vendicativo, giudicante è perché crediamo che il nostro Dio si comporti in quel modo con noi e ci sentiamo legittimati a fare lo stesso.

Ma il Dio della parabola non è il Dio di Gesù Cristo. Corrisponde piuttosto all’immagine distorta di Dio che mi porto dentro e che poi proietto, consapevolmente o meno, nel  mio modo di trattare le persone intorno a me. Perché, in fondo, siamo fatti a sua immagine e somiglianza. E nell’immagine di quel Dio ci giochiamo la vita.

Rifletto sul mio modo di relazionarti.

  • Come sto trattando le persone intorno a me? 
  • Cosa posso dire della corrispondente immagine di Dio che mi porto dentro?
  • Che differenza c’è rispetto al Dio di Gesù Cristo? 

P. Flavio E. Bottaro SJ

2 pensieri su “15/10 – L’immagine è tutto…

  1. Riccardo ha detto:

    Scusate ma non ho ben capito il vostro commento al Vangelo, di solito molto chiaro. Io penso che la parabola di Gesù rappresenti effettivamente un modo per spiegarci il Regno dei Cieli, e non la sua versione distorta. Come nella parabola della vigna, ripercorre la storia della relazione tra Dio e l’uomo, con i profeti mandati da Dio e rifiutati da un popolo eletto che nel tempo si perde e si chiude in se stesso. Allora Dio non si rivolge più solo a questo popolo ma a tutto il mondo. “Andate ai crocicchi delle strade”. Ho apprezzato molto il commento su questo blog, generalmente citato da voi la Domenica:
    https://cajetanusparvus.com/2017/10/13/scarta-la-carta-che-gusto-ce-a-fare-festa-cosi/

  2. Tanto lo spunto del commento, quanto quello del “commento del commento”, sono per me preziosi.
    La Parola di Dio è viva nella misura in cui tocca il nostro cuore e il tocco può avvenire in tanti punti e tante modalità, come il Volto del Dio Vivo si può aver la grazia di contemplarlo da tante angolazioni e diverse incidenze di luce.
    Ringrazio Dio per questo spazio di sosta, spunto e confronto
    Buona giornata
    M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...