A tu per tu con me…

The%20Love%20Embrace%20of%20the%20Universe%20the%20Earth%20Mexico%20Me%20Diego%20and%20Mr%20Xolotl.jpg

E dico sì al dialogo
Perché la pace è l’unica vittoria
l’unico gesto in ogni senso
che dà un peso al nostro
vivere
(Il mio nome è mai più – Piero Pelù)​

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi date testimonianza e approvazione alle opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite loro i sepolcri. 
Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò a loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno; perché sia chiesto conto a questa generazione del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo, dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccaria, che fu ucciso tra l’altare e il santuario”. Sì, vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.  Guai a voi, dottori della legge, che avete tolto la chiave della scienza. Voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare l’avete impedito». 
Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo ostilmente e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca. (Lc 11,47-54) 

Ascoltare come stanno veramente le cose è una sfida che spesso non vogliono cogliere.
Il Signore, ammonisce, ci mette in guardia, per non vivere in false convinzioni, in distorte concezioni di noi stessi e degli altri, in illusorie aspettative che diventano desideri soffocati (essi li uccisero e voi costruite loro i sepolcri).

Ma dietro un rimprovero si cela una benedizione. Queste parole riportano in luce il fatto che il tempo di vivere è ora, proprio nella situazione in cui siamo, anche quando è difficile distogliere lo sguardo dalle occasioni mancate, dalle promesse incompiute, dagli errori che si potevano evitare.

I luoghi da vivere sono quelle relazioni che la vita propone adesso, nella misura in cui condividiamo il desiderio di apprendere, rinnoviamo la meraviglia di scoprire e gustiamo fino in fondo quello che, ogni attimo con rinnovato significato, apre i nostri orizzonti. Gesù libera il nostro sguardo dall’inimicizia verso quello che siamo e, a costo di essere condannato,  insegna a guardarci dentro al presente come dono del passato e grembo del futuro.

  • Quali sono i miei desideri soffocati e delusi?
  • Quali sono le relazioni che aspettano di essere vissute pienamente?
  • Cosa sta dischiudendo il tempo presente?

(Rete Loyola Bologna)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...