14/11 – Io mi inquino ai vostri piedi!

inquino

«El hombre es criado para alabar, hacer reverencia y servir a Dios nuetro Señor »

“L’uomo è creato per lodare, riverire e servire Dio nostro Signore”

S. Ignazio

 

Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: «Vieni subito e mettiti a tavola»? Non gli dirà piuttosto: «Prepara da mangiare, stringiti le vesti ai fianchi e servimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu»? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: «Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare».

Lc 17, 7-10

 

Quello a servire inutilmente è un invito difficile da accogliere, specialmente per chi spesso inciampa nell’ottica del do ut des, del fare “perché così verrò visto da chi vorrei mi vedesse”, “perché il mio agire verrà riconosciuto” con una lode, con un voto eccellente, con un applauso. Per noi che viviamo questa dinamica, le parole che oggi il Vangelo ci offre hanno al primo assaggio un gusto aspro, fastidioso, alle volte bruciante. Tuttavia, se le lasciamo scendere nel nostro cuore, ci accorgeremo che esse hanno un gusto completamente diverso: dolce e rotondo.  

Essere servi inutili significa sentirsi chiamare per nome dal proprio signore, presentarsi al suo cospetto così come si è – magari ancora sporchi della terra appena arata –, e col cuore tondo di gioia per essere stati chiamati, rispondere sì. Significa mettere a servizio dei nostri fratelli quei doni di cui il Signore ci ha impreziositi, l’amore in primis.

Servire è portare in dono ciò che si ha – tempo, cure, attenzioni, amore – lì dove il Signore ci chiama ad operare, restando fedeli alla sua parola e felici di poter essere inutilmente servi suoi. Stringiamoci le vesti ai fianchi, dunque, e mettiamoci al servizio del Signore con gioia piena.

 

 

  • Se quello che faccio è la mia parte, come vivo l’inutilità di essa?
  • In quale ambito della mia vita vorrei sentirmi riconosciuto?
  • Cosa provo nel sapere di essere conosciuto per quello che sono, senza dover raggiungere l’utile?

 

 

Rete Loyola SJ

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...