22/11 – Guardami quando ti parlo!

tocco

Cry me a river.

                          Arthur Hamilton

 

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

Lc 19, 41-44

 

Gesù ferma i suoi passi alla vista di una Gerusalemme chiusa, ostile, che non ha riconosciuto la sua chiamata ad essere luogo di pace e vita e perciò destinata a cadere pietra dopo pietra. Gesù la vede e, come si fa con chi si è amato un tempo e per caso si rivede tra la folla, la abbraccia con sguardo pregno d’amore e le parla, mentre piange per il suo destino. Non c’è rabbia in quelle lacrime, solo amore infinito, eternamente donato e gratuito.

Gerusalemme siamo tutti noi ogni volta che voltiamo le spalle a chi siamo, a ciò cui il Signore ci chiama, perché non lo riconosciamo – e allora il vuoto, la sterilità, il disordine ci riempiono. Siamo noi tutte le volte che ci chiudiamo a quell’amore che crediamo di dover meritare – quando invece c’è solo da accogliere. Siamo noi ogni volta che per paura non ci facciamo abbracciare dal Signore, non gli permettiamo di toccarci.

Noi, piccole Gerusalemme, abbiamo e avremo sempre due occhi che piangono amore per noi su di noi. Apriamo le porte, dunque, lasciamo entrare il Signore, lasciamo che Gesù col suo sguardo di amore ci abiti e ci faccia sua Gerusalemme: luogo dell’infinito amore di Dio che, tramite il figlio, si dona per noi.

 

  • Sto vivendo delle situazioni in cui non riconosco la presenza del Signore?
  • Cosa sto cercando di meritare, invece di accogliere?
  • In quale ambito della mia vita vorrei sentirmi abbracciato dal Signore?
Rete Loyola SJ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...