30/12 – Lasciati fare!

lasciati fare

Non sai come è bello stringerti, ritrovarsi qui a difenderti,
e vestirti e pettinarti e sussurrarti non arrenderti.

Renato Zero

 

In quel tempo, c’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto col marito sette anni dal tempo in cui era ragazza, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.

Quando ebbero tutto compiuto secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nazaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era sopra di lui.

Lc 2,36-40

 

Nascere significa iniziare a lasciarsi fare dagli altri, dalla vita e dalla sapienza inscritta in essa: il bambino Gesù – come accade per tutti i bambini – è prima di tutto colui che si lascia fare, plasmare dalla vita. In questo modo Gesù entra in quel dinamismo che è la vita umana in cui crescere è prima di tutto qualcosa di ricevuto e richiede di lasciarsi avvolgere da ciò che non ci appartiene.

Colpisce come questo “lasciarsi fare” da altri non coinvolga solo i genitori, ma anche dei perfetti sconosciuti, talvolta dei personaggi poco probabili! Oggi è il turno della profetessa Anna, una sorta di “santa patrona” delle tante vecchiette di tutti i tempi che passano la loro vita tra casa e chiesa, chi di noi non ne ha mai conosciuta qualcuna? Eppure è anche così che l’amore gratuito del Padre agisce e che le Scritture entrano in dialogo con la vita.

Siamo ancora all’interno dell’Ottava di Natale: l’invito che ci viene rivolto oggi è di contemplare come Gesù-bambino salva il mondo! Non di attendere la Pasqua per celebrare quando ciò finalmente avverrà, ma di cogliere come ciò sta già accadendo nella vita del Dio-bambino che proprio “lasciandosi fare” incontra l’amore del Padre che si intreccia con la vita.

Per Gesù entrare in questo è già salvare il mondo!

 

 

  • Nella mia storia riconosco di aver scoperto qualcosa sul modo di essere e operare di Dio che opera attraverso l’incontro con personaggi strambi e poco probabili?
  • Come risuona in me, ormai non più bambino, la provocazione a “lasciarmi plasmare dalla vita”?
  • Da cosa mi salva Gesù bambino?

 

p. Iuri Sandrin SJ

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...