14/1 – Qualcosa troverò!

Occasioni da non perdere negli outlet della vita

Meditazione
sul Vangelo
della II domenica del T.O. anno B
14 gennaio 2018
Gv 1,35-42

Dammi Tu la forza di cercare.

Davanti a Te sta la mia forza e la mia debolezza:

conserva quella, guarisci questa.

Agostino

Se vuoi trovare qualcosa, il modo migliore è iniziare a cercare! Forse non troverai esattamente quello che cercavi, ma almeno avrai vissuto.

Una parola bella e un po’ strana che illustra i vantaggi del darsi comunque da fare è serendipità! È una parola che viene dall’antico nome dello Sri Lanka (Serendip) e indica la fortuna di trovare qualcosa mentre se ne sta cercando un’altra. Forse con Dio non possiamo fare a meno di affidarci alla serendipità, perché Dio ci sorprende sempre, non si lascia contenere nelle nostre previsioni, non possiamo mai sapere esattamente quello che stiamo cercando: «se lo comprendi, non è Dio», diceva Agostino.

serendipity

Forse per questo i Vangeli iniziano sempre con qualcuno che cerca, ma che non sa bene quello che sta cercando: Matteo inizia con i Magi che seguono una stella improbabile, Marco inizia con Giovanni Battista che aspetta un Messia diverso da quello che viene a farsi battezzare da lui, Luca intraprende indagini da storico professionista e Giovanni ci presenta dei discepoli impacciati che non capiscono bene dove stanno andando.

Eppure, tutti cercano. I Vangeli ci suggeriscono così l’atteggiamento fondamentale di chi vuole trovare Dio: cercare!

oro_cercatori_sito_ass_Biellese-400x300

Il testo di Giovanni si sviluppa dentro un gioco di sguardi e di parole non comprese: prima Giovanni Battista fissa lo sguardo su Gesù, dopo è Gesù stesso che fissa lo sguardo su Simone. E dentro quegli sguardi ci sono parole oscure: Giovanni Battista dice che Gesù è l’agnello, una metafora audace, che forse avrà generato nei discepoli ricordi antichi (l’agnello della cena Pasquale o l’agnello offerto in sacrificio al Tempio?), ma certamente non sono ancora pronti a comprendere perché Gesù sia l’agnello di Dio. Così come è altrettanto difficile per Simone accettare di essere chiamato pietra, probabilmente Simone si è sentito svelato, si è accorto forse che quella parola toccava un aspetto profondo della sua vita.

Comunque sia, l’agnello e la pietra sono parole che evocano qualcosa che non è ancora chiaro.

Mettersi a cercare vuol dire lasciarsi spingere da parole che non sono ancora del tutto comprese. Chi pretende di partire solo quando la strada è completamente sgombra e lineare, probabilmente non si muoverà mai.

Per strapparci al nostro immobilismo, Gesù ci invita a riconoscere il nostro vuoto, quello che non abbiamo. Quest’assenza prende anche il nome di desiderio. Ci mettiamo a cercare perché desideriamo qualcosa che non possediamo ancora: e siccome Dio non possiamo mai possederlo, non possiamo fare altro che cercarlo ancora, continuamente. Nel Vangelo, Gesù rivolge spesso questa domanda: cosa cerchi? Cosa vuoi che io ti faccia? Vuoi guarire? Il desiderio di Gesù è dare una risposta al vuoto che ci abita.

Come i primi discepoli, anche noi cerchiamo risposte. Eppure la vita ci spinge a non abitare le definizioni, meno che mai con Dio.

bambini-mano-alzata-940x500

Questi primi due discepoli non chiedono a Gesù un insegnamento, una verità stabile, forse perché sono un po’ sorpresi e impacciati dall’iniziativa di Gesù: è lui stesso infatti che si volta verso di loro, è lui che li invita a prendere consapevolezza della domanda che si portano nel cuore.

L’unica cosa che sanno chiedere è una relazione! Il luogo in cui abitiamo parla di noi, dice chi siamo. La casa è il luogo dove si diventa familiari. Quando una relazione diventa profonda, ti senti anche libero di invitare qualcuno a casa tua.

Sebbene uno dei due discepoli ricordi perfettamente persino il momento del giorno in cui è avvenuto quell’incontro (erano circa le quattro del pomeriggio), il testo non ci dice dove abita Gesù. Quel luogo rimane incerto, perché ci sono tanti possibili luoghi in cui possiamo incontrare Gesù. Dio non si lascia racchiudere dentro le nostre esperienze.

Couple holding hands in the sunset, Hawaii, USA.

I due discepoli non si fermano per sempre nella casa con Gesù: escono di nuovo. La relazione con il Signore, se è un incontro autentico, ci apre all’annuncio: c’è sempre un fratello da portare a Gesù. Andrea cerca Simone. E attraverso questi incontri la vita cambia. Simone diventa Cefa. È la vita che abbiamo messo in moto con i nostri desideri e che non lascia inalterata la realtà che attraversa. Forse non tutto cambierà immediatamente, ma almeno avremo avviato un processo.

 

Leggersi dentro

– Dove stai cercando Dio in questo tempo della tua vita?

– Cosa ha generato in te l’incontro con il Signore?

06/12 – Vedi, non ho nulla da donare a te…

nulla

Noi non siamo mai dei miserabili lasciati a far numero, ma dei felici eletti. Persone che ti sono un poco necessarie, persone i cui gesti ti mancherebbero, se rifiutassero di farli. 

Madeleine Delbrel


In quel tempo, Gesù venne presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si fermò là. 
Attorno a lui si radunò molta folla recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì. 
E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele. 
Allora Gesù chiamò a sé i discepoli e disse: «Sento compassione di questa folla: ormai da tre giorni mi vengono dietro e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada». 
E i discepoli gli dissero: «Dove potremo noi trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?». 
Ma Gesù domandò: «Quanti pani avete?». Risposero: «Sette, e pochi pesciolini». 
Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, 
Gesù prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò, li dava ai discepoli, e i discepoli li distribuivano alla folla. 
Tutti mangiarono e furono saziati. Dei pezzi avanzati portarono via sette sporte piene. 

Mt 15,29-37

La commozione di Gesù per questa folla che lo segue da tre giorni è passionale: non può tollerare che queste persone – i sofferenti, quegli ultimi di cui nessuno si cura ma che lui ama – continuino a camminare senza cibo, acqua, riposo, perché la loro fame è la sua fame, la loro sofferenza è la sua sofferenza. Allora chiede ai discepoli di procurare il necessario: per completare ciò che ha iniziato, portare avanti la missione affidatagli dal Padre, Gesù ha bisogno anche di noi.

Ma come possiamo saziare questa gente con soli sette pani e pochi pesci? Come possiamo aiutarlo se non abbiamo nulla? Dio conosce benissimo le nostre debolezze e la nostra pochezza, ma è proprio quel poco che desidera da noi; ci sceglie proprio nelle nostre incoerenze, nelle nostre imperfezioni, perché poi è lui a darci le idee e la forza per poter saziare i nostri fratelli in abbondanza.

Chiediamo al Signore la grazia di farci vivere nella consapevolezza che, nonostante (e attraverso) i limiti della nostra condizione umana, siamo ai suoi occhi gioielli preziosi chiamati a condividere il nostro oro con il nostro prossimo, a sfamarci reciprocamente.

 

  • Provo commozione per la sofferenza di chi mi sta accanto? Cosa faccio?
  • Sono pronto a mettermi in gioco così come sono, senza cercare da solo perfezionismi?
  • Quale limite voglio offrire al Signore, perché lo renda luogo fertile di benedizione?

 

Ilaria D. L.