06/12 – Vedi, non ho nulla da donare a te…

nulla

Noi non siamo mai dei miserabili lasciati a far numero, ma dei felici eletti. Persone che ti sono un poco necessarie, persone i cui gesti ti mancherebbero, se rifiutassero di farli. 

Madeleine Delbrel


In quel tempo, Gesù venne presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si fermò là. 
Attorno a lui si radunò molta folla recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì. 
E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele. 
Allora Gesù chiamò a sé i discepoli e disse: «Sento compassione di questa folla: ormai da tre giorni mi vengono dietro e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada». 
E i discepoli gli dissero: «Dove potremo noi trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?». 
Ma Gesù domandò: «Quanti pani avete?». Risposero: «Sette, e pochi pesciolini». 
Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, 
Gesù prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò, li dava ai discepoli, e i discepoli li distribuivano alla folla. 
Tutti mangiarono e furono saziati. Dei pezzi avanzati portarono via sette sporte piene. 

Mt 15,29-37

La commozione di Gesù per questa folla che lo segue da tre giorni è passionale: non può tollerare che queste persone – i sofferenti, quegli ultimi di cui nessuno si cura ma che lui ama – continuino a camminare senza cibo, acqua, riposo, perché la loro fame è la sua fame, la loro sofferenza è la sua sofferenza. Allora chiede ai discepoli di procurare il necessario: per completare ciò che ha iniziato, portare avanti la missione affidatagli dal Padre, Gesù ha bisogno anche di noi.

Ma come possiamo saziare questa gente con soli sette pani e pochi pesci? Come possiamo aiutarlo se non abbiamo nulla? Dio conosce benissimo le nostre debolezze e la nostra pochezza, ma è proprio quel poco che desidera da noi; ci sceglie proprio nelle nostre incoerenze, nelle nostre imperfezioni, perché poi è lui a darci le idee e la forza per poter saziare i nostri fratelli in abbondanza.

Chiediamo al Signore la grazia di farci vivere nella consapevolezza che, nonostante (e attraverso) i limiti della nostra condizione umana, siamo ai suoi occhi gioielli preziosi chiamati a condividere il nostro oro con il nostro prossimo, a sfamarci reciprocamente.

 

  • Provo commozione per la sofferenza di chi mi sta accanto? Cosa faccio?
  • Sono pronto a mettermi in gioco così come sono, senza cercare da solo perfezionismi?
  • Quale limite voglio offrire al Signore, perché lo renda luogo fertile di benedizione?

 

Ilaria D. L.

02/12 #VITALITÀ’

VITALITÀ‘: una vita che avviene e si dona

 

Signore Gesù,

insegnaci ad essere generosi,

a servirti come Tu meriti,

a dare senza contare,

a combattere senza temere le ferite,

a lavorare senza cercare riposo,

a darci,

senza aspettare altra ricompensa, che sapere di compiere la tua volontà.

Ignazio di Loyola

 

Mt 15, 29-37

In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.

Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».

Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.

Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

Gesù sul monte cura e dà il suo pane. La folla indica noi stessi: siamo un po’ zoppi, ciechi, storpi, sordi e malati. Gesù ha cura delle nostre infermità .

Gesù viene in questo tempo per darci la vita, la sua vita, che, come il pane, dà vita

Davanti alla gente Egli spezza il pane, lo divide, fa della “logica del dono” la logica esistenziale.

I discepoli sono coloro che ascoltano il suo invito e lo realizzano, si lasciano plasmare dal suo atteggiamento, si lasciano amare … per amare …

22/10 #DISTINGUERSI

DISTINGUERSI: Il vigore del Vangelo diventa il criterio

per esporsi davanti agli altri

Dimorano nella terra, ma hanno la loro cittadinanza nel cielo.  Obbediscono alle leggi stabilite, e con la loro vita superano le leggi. Amano tutti, e da tutti vengono perseguitati. Non sono conosciuti, e vengono condannati. Sono uccisi, e riprendono a vivere. Sono poveri, e fanno ricchi molti; mancano di tutto, e di tutto abbondano. Sono disprezzati, e nei disprezzi hanno gloria. Sono oltraggiati e proclamati giusti. Sono ingiuriati e benedicono; sono maltrattati ed onorano. Lettera a Diogneto
 
Lc 12, 49-53 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».
 

La venuta di Gesù con il suo messaggio si scontra contro tutto ciò che è contrario a questa logica. Ci obbliga a pronunciarsi, pro o contro.

La lotta è tanto radicale che penetra nelle stesse famiglie, negli stessi luoghi che ci sembrano rassicuranti e pieni di vita. 
Il Vangelo non può essere soggetto a compromessi. Non è neutrale
E’ la propria pace che deve essere persa per servirlo
Accogliere il Vangelo significa accettare di lottare, di dividere, di stare all’opposizione…
Questo è un tratto distintivo che dice la vera accoglienza di Gesù nella nostra vita.