17/1 – L’avventura della libertà

17-1.png

La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose, il coraggio per cambiarle.

Sant’Agostino d’Ippona

 

In quel tempo, Gesù entrò di nuovo nella sinagoga. C’era un uomo che aveva una mano inaridita, e lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato per poi accusarlo. 

Egli disse all’uomo che aveva la mano inaridita: «Mettiti nel mezzo!». 

Poi domandò loro: « È lecito in giorno di sabato fare il bene o il male, salvare una vita o toglierla?». 

Ma essi tacevano. E guardandoli tutt’intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse a quell’uomo: «Stendi la mano!». La stese e la sua mano fu risanata. 

E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire. 

Mc ‪3,1-6‬

 

Il sabato: il capolavoro della creazione, il giorno in cui Dio si riposa dal suo lavoro; giorno santo, messo da parte, tutto per Dio. Non certo per curare un uomo ferito nella sua capacità di lavorare. Hanno ragione loro, i farisei.

Gesù lancia la sfida: mettiti nel mezzo. Ripensare le convinzioni più forti, per fare spazio ad una novità portata dal Signore, per guardare Dio e il suo sabato con occhi nuovi.

Un incontro è vero quando accetti di ripartire, quando nei tuoi ragionamenti perfetti si apre una breccia e tu inizi a guardare la realtà insieme ad altri, rispondi e non stai muto.

L’avventura della libertà ha avuto inizio.

 

 

  • Quando ho colto la sfida del Signore, disponibile a lasciare le mie idee?
  • In che luogo oggi mi viene chiesto di ripartire?
  • Chi riconosco come persona libera?

 

p. Stefano Corticelli SJ

 

12/1 – Indispensabile

12-1.jpg

My dream of love is coming true
within our desert Caravan.

Il mio sogno d’amore si sta facendo realtà,
qui in questa nostra carovana del deserto.

 Duke Ellington

Dopo alcuni giorni, Gesù entrò di nuovo a Cafarnao. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone, da non esserci più posto neanche davanti alla porta, ed egli annunziava loro la parola.

Si recarono da lui con un paralitico portato da quattro persone.

Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dov’egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono il lettuccio su cui giaceva il paralitico.

Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: «Figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati». Seduti là erano alcuni scribi che pensavano in cuor loro:

«Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può rimettere i peccati se non Dio solo?».

Ma Gesù, avendo subito conosciuto nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate così nei vostri cuori? Che cosa è più facile: dire al paralitico: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati, ti ordino – disse al paralitico – alzati, prendi il tuo lettuccio e và a casa tua».

Quegli si alzò, prese il suo lettuccio e se ne andò in presenza di tutti e tutti si meravigliarono e lodavano Dio dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!».

Mc 2,1-12

 

Nessuno intende scomodare troppo il Signore: uno si accontenta di ricevere semplicemente il necessario per sopravvivere, per non stare troppo male, per passare almeno questo giorno … non sarebbe poi mica così poco. Eppure quel Nazareno che passa nella tua vita non si accontenta di questo; ti vuole guarire, ma in profondità, liberandoti dal peccato.

“Peccare” in ebraico significa “fallire il bersaglio”, “smarrire la via”. Forse ha una radice beduina: in marcia nel deserto alcuni abbandonano la carovana, si perdono, rischiando di morire. Ma Dio, nella sua bontà, li riacciuffa e li ricolloca nella carovana della vita. Il peccato è uscire dalla carovana, ritrovandosi steso a terra, solo e smarrito.

Il paralitico ha preoccupazioni che riguardano la sua carne, il dolore di questo giorno da affrontare e Gesù non le disprezza affatto; egli sa quanto poco sia vivibile la vita dentro un carne bloccata, incapace di muoversi. Ma sa anche che in quell’uomo, come in ogni uomo, c’è un’altra preoccupazione che impedisce ogni movimento, che smarrisce: quella di rientrare nella carovana, di riscoprire e gustare il senso della propria vita.

Il primo e decisivo atto d’amore di Gesù consiste allora di riaccompagnare il paralitico nella carovana, facendosi aiutare dai quattro barellieri: così il cuore si riempie e ti riscopri figlio e fratello, creatura nuova. Guarisce innanzitutto  il cuore e così anche la carne guarirà a tal punto che potrà rivolgersi a lui con il verbo “Alzati”. come se gli avesse detto: “Risvegliati, rinasci, risorgi”. Ora lo puoi fare!

Camminare di nuovo nella carovana o uscire di casa con i propri piedi diventa il segno visibile di quanto in profondità, nell’intimo è realmente accaduto.

Possiamo ricevere il necessario … ma nel frattempo Gesù ci regala anche l’indispensabile!

 

  • In quali situazioni riconosci che anche il tuo cuore è paralizzato?
  • Quali sono i barellieri che aiutano Gesù a farti rientrare nella carovana?
  • Quanto è bello, protettivo e vitale camminare insieme

 

p. Loris Piorar SJ

 

10/1 – il mistero del quotidiano

10-1.jpg

pi grèco: Numero (simbolo π) reale, irrazionale e trascendente, che esprime il rapporto tra la lunghezza di una qualunque circonferenza e il suo diametro (π=3,1415926535…).

In quel tempo, Gesù uscito dalla sinagoga, si recò subito in casa di Simone e di Andrea, in compagnia di Giacomo e di Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli.

Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano afflitti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.

Al mattino si alzò quando ancora era buio e, uscito di casa, si ritirò in un luogo deserto e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce e, trovatolo, gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.

Mc 1,29-39

Siamo entrati nel tempo ordinario e potrebbe sembrare che niente di speciale stia per accadere in questo tempo.

Nella vita quotidiana e normale siamo chiamati a vivere la nostra risposta alla chiamata del Signore, stare nelle decisioni che abbiamo preso. È un lavoro piuttosto difficile, ma sappiamo che spesso le cose crescono senza fare rumore, così come senza fare rumore il Signore si fa vicino…prendendoci per mano ci solleva.

Possiamo imparare a riconoscere questo tocco di sollievo tutte le volte in cui, nonostante la fatica e la stanchezza, il dolore, la delusione, la rabbia, la paura, la confusione ancora riusciamo a rispondere a dei bisogni, ancora, come la suocera di Pietro, rialziamo la testa e da padroni di casa, cioè del nostro cuore, ricominciamo a servire: se avviene è perché il Signore ci sostiene.

Non sempre siamo capaci di sentire che il Signore si avvicina e ci prende la mano, per questo è importante l’annuncio, la predicazione, la parola; ogni parola di speranza, di fiducia, di perdono è nutrimento e buona notizia e può arrivare da qualsiasi parte e raggiungere qualsiasi luogo.

La fiducia, il perdono e la speranza nascono poi nella propria relazione intima con Dio, di cui ogni uomo ha bisogno, tant’è che Gesù stesso nel buio si alza per ritirarsi in dialogo con il Padre nel deserto.

È davvero utile prendere alcuni momenti di silenzio ogni giorno concentrandosi su ciò per cui abbiamo bisogno di ringraziare, chiedendo perdono per le mancanze nostre e degli altri e, infine, per affidare tutti quei desideri che daranno forza al prossimo passo per il nuovo giorno davanti a noi.

  • Per quale parola ricevuta mi sento di ringraziare?
  • Come vivo questa giornata, sapendo che Dio mi solleva tenendomi per mano? 
  • Quale è il luogo deserto della mia vita, dove posso approfondire la mia relazione con Dio?
M. Manuzzi SJ & Rete Loyola

 

9/12 – Inviati perché amati!

amati

In concreto l’uomo è maturo quando non è più il centro di se stesso, ma comprende e vive che ha in sé qualcosa da dare e da ricevere. Non c’è nessuno così ricco che non abbia bisogno di ricevere, nessuno così povero che non abbia qualcosa da dare.

don Oreste Benzi

 

In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.
Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.
E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

Mt 9,35-10,8

 

Durante la predicazione Gesù non si limita a curare le ferite di quanti incrociano il suo cammino: la sua persona è toccata nel profondo dalle storie di ciascuno. Questo suo coinvolgimento ci mostra il volto di Dio: una madre che sente, nelle viscere, la gioia e la sofferenza dei suoi figli.

La sua missione non è semplice filantropia ma puro Amore. Quando amiamo siamo sempre esposti, ma proprio questa nudità ci apre all’incontro. Ecco il regno di Dio! È vicino, nel tempo e nello spazio. Si realizza ogni volta che, come fratelli, ci facciamo carico gli uni dei pesi degli altri.

Siamo inviati perché amati. Questa intima consapevolezza tocca il cuore e lo fa ardere, muovendolo all’azione: così l’amore non è più un dovere o un vuoto da riempire. Così la sua fiamma può bruciare senza consumarsi e senza consumare.

 

  • Che ferite tocca oggi l’amore del Signore?
  • Quando mi sono sentito amato nella mia nudità?
  • Quali esperienze mi restituiscono la consapevolezza di essere un figlio amato?

 

Rete Loyola

 

 

15/11 – Per ogni gesto, il più nascosto…

grazie

“Il senso della ricerca sta nel cammino fatto e non nella meta; il fine del viaggiare è il viaggiare stesso e non l’arrivare.”

 

Tiziano Terzani, In Asia

Durante il viaggio verso Gerusalemme, Gesù attraversò la Samaria e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi i quali, fermatisi a distanza,
alzarono la voce, dicendo: «Gesù maestro, abbi pietà di noi!».
Appena li vide, Gesù disse: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono sanati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce;
e si gettò ai piedi di Gesù per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non sono stati guariti tutti e dieci? E gli altri nove dove sono?
Non si è trovato chi tornasse a render gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse:
«Alzati e và; la tua fede ti ha salvato!».

Luca 17,11-19

La vita è un viaggio, la cui meta è Gerusalemme, luogo del compimento. Il tragitto non è lineare. Spesso passiamo nei territori dell’infedeltà (Samaria) e dell’incredulità (Galilea).

Ed è lì che, inaspettatamente, l’umanità incontra il suo creatore proprio: proprio lì dove non lo vede!

La lebbra che ci fa tenere distanza davanti a lui è anche il motivo del nostro cercarlo. Quel vuoto, quelle incertezze, quelle insoddisfazioni, quei giudizi, quelle colpe, quelle morti che trovo nel mio quotidiano costringono all’isolamento ma nello stesso tempo alimentano il desiderio di trovarlo.

E quello che lui insegna è che per guarire occorre camminare: non percorriamo distanze, stando fermi. E durante il cammino avviene la guarigione. Tornare a ringraziare, fare eu-carestia con lui è la vera meta del viaggio.

Ma per Dio non è abbastanza, ci sono sempre gli altri nove che guariscono senza rendersene conto! E che continuano la loro vita di sempre, come se fossero ancora malati.  

 

  • Quali sono i luoghi delle mie infedeltà e incredulità dove posso incontrare Dio oggi?
  • Sono consapevole di ciò che mi manca per chiederlo al Signore con fiducia?
  • Per quali piccole e grandi guarigioni sento di ringraziare il Signore?
Rete Loyola SJ

30/10 – Lasciati toccare!

Guarire è toccare con amore ciò che abbiamo precedentemente toccato con paura.

(Stephen Levine)

In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga il giorno di sabato. C’era là una donna che aveva da diciotto anni uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva drizzarsi in nessun modo. Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei libera dalla tua infermità», e le impose le mani. Subito quella si raddrizzò e glorificava Dio. Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, rivolgendosi alla folla disse: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi curare e non in giorno di sabato». Il Signore replicò: «Ipocriti, non scioglie forse, di sabato, ciascuno di voi il bue o l’asino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? E questa figlia di Abramo, che satana ha tenuto legata diciott’anni, non doveva essere sciolta da questo legame in giorno di sabato?». Quando egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute.

Lc 13, 10-17

Gesù è pronto a curare i nostri mali, in ogni luogo e in ogni tempo.

Possiamo anche aver aspettato diciotto anni, ma nel momento esatto in cui ci rivolgiamo a lui comincia il processo di guarigione. I primi effetti si palesano subito, ma è quando ricominciamo a glorificare Dio che, tornati alla ragione della nostra esistenza, possiamo affermare di aver cominciato a guarire.

Benché in quel momento stesse insegnando, Gesù si interrompe e tocca la donna per liberarla: viene in nostro soccorso rispondendo al nostro specifico bisogno, guarendo il nostro specifico male. Il nostro salvatore non è un medico superficiale e distratto che somministra rimedi generici: egli si avvicina ad ogni singola ferita, non all’idea astratta e lontana di un male imprecisato.

Il maestro della sinagoga si piega a toccare il corpo ammalato, se e quando è necessario per la liberazione.

Per Dio non c’è nulla di più importante del nostro ritorno a lui!

Il tocco di Cristo è il mezzo di ogni guarigione: le sue mani imposte sul nostro corpo curvo ci restituiscono la postura della dignità e così, liberati dalle nostre malattie, finalmente riusciamo a drizzarci, possiamo tenere alta la testa e cambiare prospettiva.

 

  • Sono ricurvo su me stesso?
  • Voglio essere guarito?
  • Dove ho bisogno che Gesù mi tocchi, per guarire?

 

Rete Loyola Bologna

28/10 – Amare al plurale

DSC_0398 (3)

“Se vuoi andare veloce, vai da solo. Se vuoi andare lontano, vai insieme.”  

(Proverbio Africano)

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore. Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti. 

Lc 6,12-19

Ci sono svariati modi di concepire il nostro ruolo nel mondo.

Possiamo guardare alla vita come ad una corsa ad ostacoli e passare il nostro tempo a controllare la nostra posizione rispetto agli altri atleti. Possiamo vivere con lo sguardo rivolto esclusivamente al nostro giardino e, finché questo produce i suoi frutti, non preoccuparci dei deserti che lo circondano.  Oppure possiamo sentirci parte di una famiglia i cui beni e le cui fatiche devono essere condivise con amore.

Qui il Signore ci svela il suo stile, che parte dal silenzio e dalla relazione con un Padre che non fa mancare la Sua presenza ed accoglie tutti. Da questo abbraccio di tenerezza, scaturisce una dinamica di vita per chi lo incontra: la scelta degli apostoli, le guarigioni dalle malattie fisiche e spirituali, l’annuncio del Regno.

Ogni sua azione e parola trovano origine in un bene più grande.

Non si può donare ciò che non si è ricevuto; non si può ricevere, senza restituire.

La vera guarigione passa da un cuore capace di amare perché l’amore è sempre declinato al plurale.

 

  • Qual è il tuo stile?
  • Quando ti sei sentito scelto?
  • Da dove passa la tua guarigione?

 

RETE LOYOLA BOLOGNA