02/12 – Ogni momento

ogni momento

Tra i cani zoppi ti… confondi e splendi

nei cartoni che son case per chi non le ha

ti ho visto… che splendi… di chiamarti io non smetterò

I.N.R.I.- Lucio Dalla

 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State bene attenti che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso improvviso; come un laccio esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate e pregate in ogni momento, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che deve accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

Lc 21,34-36

Signore con quale amore, cura, attenzione ci metti in guardia dal perdere la misura!

Certamente la nostra vita spesso è piena di affanni e preoccupazioni, tensioni che non sempre sappiamo affrontare, situazioni il cui peso sembra doverci spezzare.

Molte volte ci scopriamo piccoli e fragili dinanzi alla nostra vita, dinanzi agli altri, dinanzi a noi stessi e così iniziamo a strafare, a disperdere beni ed energie per accaparrarci una soluzione, una giustificazione; oppure, arresi, cominciamo a rifugiarci in vacuità per non affrontare, per dimenticare, per fuggire.

Oggi, Gesù, dicendoci vegliate e pregate, ci consegni i tuoi strumenti per andare incontro a tutto ciò che avviene, senza paura e con gran forza, guardando a te e alla tua vita, alla tua morte e resurrezione.

La novità che ci consegni è lo spirito di vivere a pieno il presente con la leggerezza non superficiale di coglierne i frutti, facendo attenzione alle spine.

Il tuo amore per noi ci dà la giusta misura per gustare in profondità la vita.

 

  • Quali frutti mi sono offerti e non raccolgo per paura di soffrire?
  • Dove fuggo e in cosa mi rifugio per non affrontare il mio presente?
  • Quale situazione posso vivere diversamente oggi, alla luce di quello che il Signore mi ha detto?

 

Rete Loyola

08/10 #PREGHIERA

PREGHIERA: scelgo di fidarmi dell’altro

 

Quando l’uomo ha trovato la pace in se stesso, può mettersi a cercarla nel mondo intero. Martin Buber

Lc 11, 5-13

In quel tempo, Gesù disse ai discepoli: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”, e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono. Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».

Il dono più grande non è tanto il bene in generale, bensì capire cosa è bene per noi, cosa veramente ci aiuta a crescere, a diventare figli.

Innanzitutto ci aiuta l’insistenza nella richiesta: chiediamo con forza di comprendere il maggior bene per noi. Probabilmente poi ci vorrà un pò di tempo, perché si tratta di scoprirlo insieme al Signore, partendo dalla nostra vita stessa. Infine ci vorrà l’apertura di cuore nell’accogliere quello che la realtà mi dona.

Ma cosa, alla fin fine, ci darà il Signore? Lo Spirito Santo, se stesso, non ha altro da dare che se stesso… non formule magiche ma tutto il suo amore, quello che Lui è.