27/12 – Vuoto a prendere

vuoti a prendere

Non si vede bene che col cuore.

Antoine de Saint-Exupéry

Nel giorno dopo il sabato, Maria di Magdala corse e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».

Uscì allora Simon Pietro insieme all’altro discepolo, e si recarono al sepolcro.

Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Chinatosi, vide le bende per terra, ma non entrò.

Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide le bende per terra, e il sudario, che gli era stato posto sul capo, non per terra con le bende, ma piegato in un luogo a parte.

Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.

Gv 20,2-8

 

Una grande confusione, un movimento inquieto, una comune collaborazione: ognuno dice all’altro ciò di cui ha fatto esperienza, alla ricerca affannosa di un segno. Non può finire così. Ma l’annuncio di Maria smuove gli altri discepoli.

La Maddalena si incammina quando ancora è l’alba: fuori è ancora buio – e buio è nel suo cuore, ancora avvolto dalle tenebre della notte, dalla tristezza e dalla mancanza per la perdita del maestro della sua vita.

Cercare il Signore nel sepolcro, nel luogo delle nostre certezze, dove possiamo toccare con mano il nostro limite, ci invita a rileggere tutta la nostra vita come un viaggio alla ricerca del Signore nella nostra quotidianità e nei luoghi della nostra vita che sono diventati sepolcri. Ciò che è limite per l’uomo diventa momento di comunione con Dio. Si va e si entra: se non entriamo non faremo mai esperienza del Risorto.

È con gli occhi di Cristo che riusciamo a vedere la vita anche nei luoghi di morte.
È l’amore che riempie l’assenza del sepolcro e che diventa presenza piena.

 

  • Come mi pongo di fronte al sepolcro vuoto?
  • Quali luoghi della mia vita si sono trasformati in sepolcri?
  • Riconosco nelle ombre della mia vita la presenza del Signore?
S. L.

5/12 – A me gli occhi!

sguuardo

La vita comincia là dove comincia lo sguardo.

Amélie Nothomb

 

In quel tempo, Gesù esultò nello Spirito Santo e disse: «Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così a te è piaciuto. 
Ogni cosa mi è stata affidata dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare». 
E volgendosi ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. 
Vi dico che molti profeti e re hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, ma non lo videro, e udire ciò che voi udite, ma non l’udirono». 

Lc 10,21-24

Gesù ti racconta il volto di suo padre e ti invita a guardarlo negli occhi, ad entrare in relazione con lui. Perché il tuo è lo sguardo di un privilegiato: quel volto è per te e tu sei per quel volto, come in ogni relazione d’amore.

Quello che vedi è il volto amoroso di un padre al quale tendi le braccia, come figlio piccolo e desiderato; è il volto di un padre grande nell’amore e nella fiducia, che parla proprio con te e ti svela il tuo stesso desiderio, placando la tua sete e saziando la tua curiosità spontanea.

I tuoi occhi vedono il tuo Dio e ciò ti chiama alla testimonianza di quello sguardo specifico. Racconta il tuo Dio con la tua vita: molti hanno desiderato vedere proprio quel volto che è stato rivelato a te e tu sei chiamato a testimoniarlo. Dio ti affida un compito specifico, tutto per te: la tua vita, a immagine della sua.

 

  • Ho il coraggio di guardare Dio negli occhi, entrando in una relazione autentica con lui?
  • Quando mi sono sentito degno della fiducia che Dio ripone in me?
  • La mia vita racconta il volto del Dio-per-me?

 

Rete Loyola